Retinopatia diabetica

Chiunque sia affetto da diabete è a rischio di insorgenza di retinopatia diabetica.

L'alta concentrazione di glucosio nel sangue (iperglicemia) danneggia i vasi sanguigni, provocando l'occlusione di quelli di diametro minore: la retina, essendo un tessuto vascolarizzato da un numero elevatissimo di piccoli vasi, risulta particolarmente vulnerabile. L’assenza di un adeguato apporto sanguigno in alcune zone della retina provoca la necrosi dei tessuti ed emorragie: la luce non riesce a raggiungere la retina e ciò provoca delle improvvise perdite della vista.

Nei primi stadi di questa malattia i sintomi a livello visivo possono essere lievi o inesistenti.
Tuttavia, se non viene riconosciuta e curata in tempo la retinopatia diabetica può causare danni permanenti alla retina.

In assenza di diagnosi precoce, questa patologia può dare luogo a sintomi che compromettono la vista. Questi possono variare da un leggero sfuocamento della vista da vicino o da lontano alle cosiddette ”mosche volanti”, fino all’improvvisa perdita della vista.

Se non curata, la retinopatia diabetica può causare un grave indebolimento della vista e anche la cecità.
È molto importante che i pazienti diabetici si sottopongano regolarmente a visite oculistiche, in caso di alterazioni rilevanti della vista, il paziente deve rivolgersi immediatamente all’oculista anche se è stato visitato di recente.

 

 

Retinopatia diabetica non proliferante

Nella forma non proliferante i vasi alterati presentano zone di indebolimento, con dilatazione della parete (microaneurismi) e possono sanguinare producendo emorragie retiniche. Successivamente possono crearsi edema e/o ischemia.

L’edema si verifica quando dalle pareti alterate dei capillari trasuda del liquido. Questo fluido provoca un rigonfiamento della retina (edema) o l’accumulo di grassi e proteine (essudati duri).

L’ischemia è il risultato dell’occlusione dei vasi capillari; la retina, ricevendo sangue in quantità insufficiente, non riesce a funzionare correttamente. Ciò favorisce il passaggio alla forma proliferante.

 

Retinopatia diabetica proliferante

Quando i capillari retinici occlusi sono numerosi, compaiono ampie zone di sofferenza retinica (aree ischemiche ed essudati molli). Queste zone di retina sofferente, nel tentativo di supplire alla ridotta ossigenazione, reagiscono stimolando la crescita di nuovi vasi sanguigni. Sfortunatamente questi neovasi sono anomali perché hanno una parete molto fragile e crescono a caso sulla superficie della retina. Essi sanguinano facilmente, dando luogo a emorragie vitreali, e portano alla formazione di tessuto cicatriziale, il quale, contraendosi progressivamente, può provocare il raggrinzimento e/o il distacco della retina.

Richiedi informazioni

@

Autorizzo il trattamento dei dati personali trasmessi come stabilito dall'informativa privacy di STAR 9000. Attraverso questo consenso potrò essere ricontattato in merito alle informazioni richieste.

Credits: OZOTO snc - powered by (ORBITA)